Vittima e Vittimismo.

Molto alla moda oggi, il rifiuto della nozione di vittima nasce dal narcisismo fondato sull’ammirazione della figura del dominante. E di fatto, questo rifiuto è assolutamente anti-sovversivo. Infatti, se non ci sono vittime, non c’è ingiustizia e non c’è nessuna ragione per combattere, né per criticare questo “meraviglioso” sistema.- Mélusine Ciredutemps. Che possiamo trovare qui.

Questa moda, la leggiamo tutti i giorni sui giornali e su alcuni Blog.. soprattutto quando si parla di donne; “basta rappresentarle sempre come vittime, sangue e lividi.”

Ma cosa vuol dire vittima?

Vittima è chi è costretto a subire le imposizioni altrui, a essere succube di altri. Chi soccombe all’altrui inganno e prepotenza, subendo una sopraffazione, un danno, o venendo comunque perseguitato e oppresso: restare vittima di un intrigo, di un tradimento; essere vittima della prepotenza altrui; vittime della barbarie, della tirannide.

Quindi essere vittima, non è mai una scelta, ma una condizione, una responsabilità di terzi, la vittima si sente degradata, umiliata. Negare la condizione di vittima vuol dire rinchiuderla nei suoi sensi di colpa. Per questo è importante riconoscere la vittima, solo così la si può aiutare a liberarsi dei sensi di colpa per l’umiliazione ricevuta.

Negare lo status di vittima, vuol dire negare la sopraffazione, il danno, l’oppressione la prepotenza la tirannide.

Vittimismo.

Per vittimismo si intende;   fare la vittima, ma non lo si è,  scaricare sugli altri le proprie responsabilità, e lamentarsene. Il vittimismo è tipico dei colpevoli, mai della vittima. Es. uno stupratore, cercherà sempre di minimizzare e fare la vittima, scaricando le proprie responsabilità sulla vittima, perché era stato offeso, provocato, ecc…ecc.. spesso nei casi di stupro o di violenza sulle donne, la tendenza dei giornali e di talune “femministe” è di assecondare questo vittimismo, scaricando le responsabilità sulla società, il degrado, la crisi economica, internet… ma di fatto deresponsabilizzano il colpevole e colpevolizzano la vittima, rinchiudendola in un vicolo cieco, dove non potrà mai liberarsene e ribellarsi. Va detto una buona volta;  questi signori sono complici dei colpevoli. Il vero atto sovversivo, è riconoscere le vittime e solidarizzare con loro, per imparare a  riconoscere i colpevoli e i loro complici.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sociologia". Contrassegna il permalink.

Una risposta a Vittima e Vittimismo.

  1. Pingback: Occultamento di cadavere. | bccida-Un disinvolto mondo di criminali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...